Ultimi articoli tecnici caricati...

Carburatori e Carburazioni

Il carburatore è un componente fondamentale per il buon rendimento di un motore pitbike, possiamo anche avere un motorone impressionante, ma se mal carburato non esprimerà mai tutta la sua potenza...Spesso e volentieri aggiustare la carburazione non è una cosa difficile, in particolar modo sui motori pitbike che sono alla fin fine dei motori molto semplici.

Frequentando spesso i circuiti mi sono reso conto che moltissime persone non hanno mai messo mano ad un carburatore per paura di far guai o ancora non sapendo nemmeno da dove iniziare...Con questa piccola guida cercheremo di fornirvi almeno un'infarinatura generale in modo da poter imparare i concetti fondamentali per godervi appieno le vostre giornate in pista...

Innanzitutto, a cosa serve il carburatore? Sembra una domanda banale, ma tutto inizia da qui...

Il carburatore serve a miscelare la benzina con l'aria...stop, non fa altro :)

Eppure questa miscelazione, chiamata in gergo carburazione, è alla base del funzionamento di ogni motore a scoppio.

Più la miscela sarà ricca di aria, più chiameremo la miscela "magra"

Al contrario più sarà ricca di benzina, più chiameremo la miscela "grassa"

Ricordate sempre la regola fondamentale...ingrassando non sbagliate mai, danni non ne fate...quindi quando inziate le vostre prove, se non siete più che certi del sintomo del vostro motore, iniziate a provare sempre prima ingrassando

Iniziamo con la parte pratica, il carburatore preso in esempio è un classico replica Mikuni 26:

 

 

Già qui abbiamo delle cose interessanti...il pomellino nero è chiamato "starter", e serve per ingrassare la miscela per facilitare l'avviamento...difatti tirando quel pomellino, viene chiuso un passaggio di aria, arricchendo così la miscela di benzina. La regolazione del minimo invece non è altro che un pezzo metallico che va fisicamente ad alzare la ghigliottina, cioè la parte che regola l'afflusso di aria del carburatore. Eh già perchè sfatando molti luoghi comuni, quando voi ruotate la manopola del gas, non fate altro che tirare su la ghigliottina e fare entrare più aria!! Mentre la credenza comune è sempre stata "non girare la manopola dell'acceleratore altrimenti si ingolfa..." credendo appunto di andare ad aprire qualche passaggio di benzina...La benzina viene invece richiamata automaticamente dal motore al salire dei giri ;)

La teza vite è chiamata "vite aria", spiegherò in seguito il suo funzionamento

Ma com'è fatto un carburatore? Quante volte avete sentito parlare di "getto del massimo" o "getto del minimo" senza sapere cosa fossero? Aprimo il carburatore e vediamo....

 

Svitiamo le 4 viti poste nella parte bassa del carburatre...et voilà!

 

Andiamo con ordine. Al centro c'è il getto del massimo, ovvero la parte più importante nella carburazione, subito sotto, incassato in un piccolo cilindretto, c'è il getto del minimo. Quei due pezzi neri di lato costituiscono il galleggiante...che serve per tenere sempre riempita la vaschetta, infatti il falleggiante è collegato alla valvola benzina...per vedere com'è fatta la valvola benzina, facciamo scorrere fuori il cilindretto di metallo su cui è fissato il galleggiante...così:

 

..ed una volta tirato fuori, prendiamo in mano il galleggiate, dove appoggiato alla linguetta centrale c'è appunto la valvola benzina

questa valvola, con la punta in gomma o in metallo, ha il compito di chiudere il passaggio della benzina nella vaschetta, se questo non accade, la vaschetta si riempie troppo e la benzina viene espulsa dal tubicino di sfiato collegato sotto il carburatore. Quindi se la vostra moto una volta spenta perde benzina dallo sfiato, controllate che la valvola sia in buone condizioni, poi controllate ancora che la sede della valvola sia pulita, se ancora il problema non si risolve, piegate *LEGGERMENTE* la linguetta di metallo verso il basso, così da far schiacchiare di più la valvola sulla sua sede dal galleggiante.

Ok, abbiamo capito tutto ciò che compone il carburatore nel suo "lato basso", ora rimontiamo il tutto e passiamo alla parte superiore :)

Iniziamo a svitare il "coperchio" superiore...una volta tolto, la molla di ritorno salterà fuori tipo scatola delle sorprese :)

 

Togliamola, infiliamo il dito dentro, ed estraiamo la ghigliottina cilindrica con inserito lo spillo conico

Lo spillo conico è semplicemente infilato dentro, tiriamolo fuori e guardiamo com'è fatto:

Come potete notare, in testa allo spillo c'è un seger, che può essere posizionato in cinque diverse posizioni...a cosa serve? Molto semplice...portando il fermo più in alto, faremo entrare più in profondità lo spillo nel polverizzatore (il pezzo dove è avvitato il getto del massimo) ostruendo così maggiormente il passaggio della benzina. Al contrario portando il fermo più in basso, alzeremo di più lo spillo dal polverizzatore, favorendo il passaggio di benzina...di conseguenza, per quanto detto prima...portando il fermo più in basso, ingrasseremo la carburazione, portando il fermo più in alto, smagriremo la carburazione.

Ovviamente la tacca dello spillo è una regolazione "di fino", da fare ad esempio quando nell'arco della giornata cambia la temperatura, per avere sempre la carburazione ottimale....

Ora che abbiamo spiegato un po' tutte le parti del carburatore, passiamo alla carburazione, la parte sicuramente più difficile ma anche più "soddisfacente" del tutto :)

Io non sono un meccanico, sono solo un ragazzo, come voi, che a furia di sbattere sui problemi ha imparato qualcosa. E se c'è qualcosa che ho imparato, è che i motori pitbike, se carburati "più grassi" vanno sempre bene", poi la prestazione ottimale va ricercata smagrendo mano mano i vari componenti...

Un esempio.

Il getto del massimo, è identificato da un numero, come questo ad esempio:

 

il "110" che si legge in testa a questo getto, è appunto la misura dello stesso...quindi questo è un getto da 110.

Se la nostra Pitbike presenta problemi, è irregolare, i giri non salgono bene, ecc ecc ecc, probabilmente la colpa è sua...infatti è il getto del massimo che comanda l'80-90% della carburazione. Per quanto detto prima, la prima cosa da fare è provarne uno più grande...per vedere se i problemi si risolvono...Se invece la nostra pitbike va bene e non ha particolari problemi (come quando ho montato il carburatore nuovo col getto da 190, la pitbike andava bene, ma gli mancava qualcosa come spunto), possiamo inziare a calare mano mano il getto del massimo, fin quando non iniziano a verificarsi i primi problemi di erogazione...purtroppo, più la carburazione è magra, più il motore va forte, ma più si rischia di far danni...!!

 

Ma entriamo un po' più nello specifico...questo grafico ci mostra quale componente "comanda" ad una tot apertura dell'acceleratore

Come possiamo ben capire...e come abbiamo detto anche sopra, la cosa più importante è il getto del massimo, che inizia a lavorare già da 1/4 di apertura del gas, fino al tutto aperto...una volta "centrato" il giusto getto del massimo, verrà tutto di conseguenza... Di fatti se vorremo un motore più pronto a salire nella parte centrale, agiremo sul fermo dello spillo conico, portandolo più su...al contrario se vorremo una erogazione più dolce, sposteremo il fermo dello spillo più in basso, facendo così salire lo spillo e ingrassando la carburazioni ai medi regimi. Quando invece siamo in rilascio, cioè a gas chiuso, entra in gioco in particolar modo la regolazione della vite aria...se la vostra pitbike scoppietta quando rilasciate il gas, vuol dire che siete troppo magri di minimo, e quindi dovete chiudere la vite aria (avvitare)...la vite aria va chiusa quel tanto che basta per non far scoppiettare la pitbike in rilascio...se arrivate ad averla quasi tutta chiusa, e la pitbike comunque scoppietta in rilascio, c'è bisogno di cambiare il getto del minimo con uno più grande, e poi riprovare...

Ci sarebbe da scrivere un poema poi sulle "finezze", come per esempio il fatto che alcuni carburatori portano la vite aria dall'altro lato, cioè dal lato del collettore di aspirazione. spesso rivota verso il basso..in quel caso però la vite funziona esattamente al contrario...svitando si ingrassa, avvitando si smagrisce

 

Se avete domande, scrivete pure nel forum ;)

David125

 
Domenica, 17. Dicembre 2017